Seleziona una pagina

Altra “grande richiesta” che accontento volentieri, purché si tenga bene in mente questa importante, importantissima, fondamentale premessa: NON si deve dare per scontato che tutti fili liscio con qualsiasi cane.


Perché “ciù is mej che uan”? Perché due cani si faranno compagnia quando noi non ci siamo e si annoieranno meno di un cane singolo. Perché il “cane unico”, proprio come il figlio unico, invoglia ai troppi vizi, ai rapporti morbosi e così via. Perché per quanto bravi siamo a interpretare il ruolo di un cane, certe cose non le potremo proprio mai fare: giocare a rincorrersi, per esempio.


E poi non saremo mai perfetti nelle comunicazioni in canese. E poi con noi non si può condividere il sommo piacere di annusare una carogna putrefatta o di mangiare le cacche del gatto: tutte cose meravigliose che, inspiegabilmente, agli umani non piacciono.

Insomma, vivere con gli umani è piacevole, ma vivere con un proprio simile ha una marcia in più. E per noi? Be’, per noi due cani (specie quando uno è cucciolo-cucciolone) significa risparmiare un sacco di soldi di cinema: le comiche le avremo costantemente in casa. E pure in 3D.


Il nuovo arrivato può inizialmente essere causa di conflitti e creare tensione con chi era in casa da più tempo, per questo bisogna sempre fare un’attenta valutazione di alcuni fattori:

1) IL SESSO

È preferibile adottare un cane di sesso opposto a quello che abbiamo già: si evitano tutti i problemi, perché maschio e femmina vanno d’accordo quasi sempre. In questo caso cercate di sterilizzarli in modo da evitare due cucciolate all’anno. Due femmine tendenzialmente vanno d’accordo, ma bisogna mettere in preventivo eventuali scaramucce durante il periodo di calore.😆

2) L’ETÀ
Evitate di mettere in casa un cucciolo con un cane anziano, il piccolino ha energia da vendere, ha voglia di giocare mentre quello più vecchiotto ha bisogno di riposarsi e non subire stress.

3) LA RAZZA
Ci sono razze più territoriali e possessive e altre più mansuete che non soffrono alcun tipo di confronto,come due barboncini o due maltesi ♥️

Chiara Carati

 

Condividilo su