Seleziona una pagina

Dolcezza e fedeltà di una razza amatissima, ma non per tutti. Ecco le cinque curiosità sul cane Carlino che dovete conoscere prima di sceglierlo come amico

Pochi cani si donano completamente ai loro umani come il Carlino e rispetto alle altre razze questo può essere un problema, o meglio nel momento di farlo divenire parte della famiglia si deve avere una consapevolezza di quello che ci aspetta. La superficialità spesso e volentieri costa cara e a rimetterci sarebbe proprio questo piccolo grande peloso.

Primo: è bene sapere che il Carlino è un cane simbiotico, ovvero ha bisogno di stare attaccato al proprio proprietario quanto più possibile. Non è un cane indipendente, nemmeno un po’: se lasciato regolarmente per molte ore da solo soffre terribilmente, fino a manifestare sintomi di malessere fisico.

Secondo: è il cane da appartamento per definizione. Premettendo che nessun peloso dovrebbe vivere fuori casa, chi ne cerca uno da far stare in giardino farebbe meglio a scegliere tutt’altra razza. A causa della sua particolare costituzione morfologica il Carlino è estremamente sensibile al caldo, all’umidità e anche al freddo. Può perfino morire per un colpo di calore, se esposto al sole cocente anche solo per un quarto d’ora. Insomma, il suo posto è in casa, al vostro fianco. Con buona pace di divani e poltrone, da lui amatissimi. Meglio premunirsi quindi con teli per non rovinarli.

Terzo: dovete sapere che questo simpatico cagnetto perde molto pelo. Non lasciatevi ingannare dal mantello corto, il Carlino ha un doppio strato di sottopelo e neppure la spazzola adesiva alle volte basta. Piuttosto armatevi di pazienza.

Quarto: avete presente quella simpatica rughina sopra il naso? È senza dubbio una delle sue caratteristiche fisiche più tenere, ma è anche una sua grossa debolezza. Sì perché lo sporco e le secrezioni che lì si accumulano possono causare infezioni, quindi è bene tenerla pulita quotidianamente con prodotti specifici.

Quinto: l’ultima particolarità, e vista l’estate alle porte è di grande attualità, è che il Carlino non è un grande nuotatore. Se vorrete portare il vostro amico in spiaggia o al lago è bene comprare un mini giubbotto salvagente perché la sua particolare struttura fisica tende a farlo affondare più che galleggiare. E visto che ha una respirazione difficoltosa, stare sott’acqua può essere davvero un problema.

Chiara Carati

 

 

Condividilo su